Vibo Valentia: sequestro di beni a presunto prestanome cosca Pesce

Beni mobili ed immobili per un valore di quattro milioni e mezzo di euro sono stati sequestrati da Polizia e Guardia di Finanza ad Ettore Tassi, di 52 anni, di Ricadi (Vibo Valentia), accusato di essere un prestanome dei capi della cosca Pesce di Rosarno della ‘ndrangheta. Il sequestro e’ stato effettuato dal personale della Divisione anticrimine della Questura di Vibo Valentia e dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Reggio Calabria su proposta del Procuratore della Repubblica, Giuseppe Pignatone. I beni sequestrati consistono in un bar, una villa al mare ed un’automobile di lusso.

Potrebbero interessarti anche...