Vibo Valentia: ‘ndrangheta, 41 bis per Pantaleone Mancuso


Il Ministero della Giustizia, sulla base di una richiesta della Dda di Catanzaro, ha disposto il regime carcerario del 41 bis, il cosiddetto “carcere duro”, per Pantaleone Mancuso, detto “Scarpuni”, 52 anni, presunto boss della potente consorteria mafiosa di Limbadi ed a capo, secondo gli investigatori, dell’ala armata del clan. Il provvedimento è stato notificato all’interessato, detenuto nel carcere di Nuoro. Indicato quale personaggio di spicco dell’omonima cosca, Pantaleone Mancuso è attualmente imputato nel processo “Gringia-Dietro le Quinte” e coinvolto nelle inchieste “Black Money” e in quella sulla presunta commissione di un attentato ai danni di una persona non ancora identificata.

Potrebbero interessarti anche...