Vibo Valentia: aggredisce con accetta ex fidanzato della figlia, arrestato


Ha aggredito con un’accetta l’ex fidanzato, di 24 anni, della figlia minorenne e, ad accettate, ha buttato giù la porta del palazzo e della cantina dove il ragazzo ha cercato di rifugiarsi. Fortunatamente, quando l’ha raggiunto la lama si è staccata e l’ha colpito solo col manico. E’ successo nella frazione Bivona di Vibo Valentia. Un operaio di 50 anni è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio. Contusa la madre del giovane, intervenuta in sua difesa. L’aggressione è avvenuta nel palazzo in cui il ragazzo vive con i genitori e sarebbe stata motivata dalla fine tormentata della relazione, durata tre anni, con la minorenne. Ieri ci sarebbe stato l’ennesimo diverbio telefonico tra gli ex fidanzati. Diverbio ascoltato dal padre della ragazza, che poi si è presentato nel palazzo dove abita il ragazzo con i genitori. Quando il ventiquattrenne ha visto l’uomo con l’accetta ha chiuso il portone del palazzo, ma l’aggressore l’ha buttato giù. Il giovane si è quindi rifugiato nel garage, ma anche in questo caso l’uomo ha fatto cadere la porta a colpi di accetta. Dopo che la lama si è staccata dal manico, l’uomo ha comunque colpito col legno alla testa ed alla mano il ragazzo, ferendolo. Nell’aggressione è rimasta contusa, ad una mano, anche la madre del giovane, intervenuta in sua difesa. Il padre del ragazzo è infine riuscito a far ragionare l’aggressore, che è fuggito per tornare poco dopo, quando erano già arrivati i carabinieri, per minacciare nuovamente la famiglia dell’ex fidanzato della figlia. E’ stato quindi bloccato ed arrestato.

Potrebbero interessarti anche...