Ventimiglia: ‘ndrangheta, arresti e perquisizioni in tutta Italia

Arresti e perquisizioni sono stati effettuati in provincia di Imperia da parte della Direzione Investigativa Antimafia, che sta indagando sugli intrecci tra criminalità organizzata e politica. Nell’operazione, coordinata dalla DDA di Genova, sono state eseguite 15 misure cautelari. Tra gli arrestati ci sono il presunto capo della cosca di ‘ndrangheta Giuseppe Marciano’, il figlio Vincenzo e un nipote. Nell’operazione sono state perquisite anche le abitazioni dell’ex sindaco di Ventimiglia, Gaetano Scullino, dell’ex direttore generale dello stesso comune, Marco Prestileo, e dell’ex sindaco di Bordighera, Giovanni Bosio, che risultano indagati, cosi’ come il sindaco di Vallecrosia, Armando Biasi (indipendente, vicino al Pdl) e due consiglieri regionali. Le amministrazioni di Ventimiglia e Bordighera sono state sciolte nei mesi scorsi per presunte infiltrazioni mafiose. Due arresti sono stati effettuati anche in provincia di Reggio Calabria. Le misure cautelari sono state emesse nei confronti di capi e gregari dell’organizzazione criminale per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, usura, detenzione di sostanze stupefacenti ed armi. L’indagine, denominata “La Svolta”, e’ partita nel marzo del 2010 ed ha permesso di svelare l’organizzazione mafiosa, i rituali di affiliazione, il controllo del territorio, i collegamenti con le cosche calabresi dei Piromalli, Alvaro e Pelle. Sono cosi’ emerse le capacita’ di influenzare le competizioni elettorali a livello locale, i rapporti con la politica e i diversi interessi economici.

Potrebbero interessarti anche...