Tortora: la Pro Loco realizza un presepe da record


E’ un presepe lungo ben 21 metri e campeggia su corso Aldo Moro, a Tortora. Rappresenta e racconta, in piccolo, la terra in cui è nato Gesù: la Palestina. Monti, case, la popolazione impegnata nei lavori quotidiani. E poi la mangiatoia, ancora vuota e che vedrà la comparsa del bambinello la sera del 24. C’è davvero tutto in questo presepe che, ne siamo sicuri, sarà una delle attrattive del periodo festivo. Si tratta di una creazione del tutto artigianale, realizzata dai componenti della Pro Loco tortorese, che hanno utilizzato prevalentemente gesso e polistirolo, in quantità industriale. E naturalmente tanta, tanta pazienza. Perchè il presepe è stato curato in ogni minimo particolare. Ci sono voluti ben due mesi di preparazione per realizzare questa rappresentazione della natività che potrebbe davvero ambire ad essere inserita nel libro dei guinness. E che, anche quest’anno, parteciperà al prestigioso concorso “Un presepe in Comune”, ideato dall’Associazione Italiana Amici del Presepio. Ed è la seconda volta che Tortora vi partecipa: già nel 2011, con una riproduzione della nascita di Gesù Bambino in sughero, il comune del tirreno cosentino ha vinto il terzo posto a livello nazionale. E adesso si spera di poter raggiungere risultati ancora più lusinghieri.

Potrebbero interessarti anche...