Sibari: scavi allagati, ci sono ancora 4 metri d’acqua

Vi risparmiamo la lunga sequela di politici e candidati dei vari partiti che hanno fatto visita, subito, agli scavi allagati di Sibari. Perchè ancora l’aiuto vero non è arrivato. Vigili del Fuoco e operai del consorzio di bonifica, notte e giorno, sono impegnati con le idrovore che hanno in dotazione. Ma continua a piovere a tratti e sembra che si stia tessendo la tela di Penelope. La direttrice del museo di Sibari lancia un appello, perchè serve aiuto. Sotto questo fango, che si è riversato nella famosa area archeologica attraverso un varco che si è aperto nell’argine del Crati, ci sono mosaici, pavimenti dipinti, sculture e resti di abitazioni. Un danno incalcolabile per questa che è davvero una ricchezza dell’umanità.

Potrebbero interessarti anche...