Sellia Marina: 4 arresti per usura ed estorsione, indagato assessore

Sono cinque le persone indagate per usura ed estorsione nei confronti di un imprenditore del catanzarese. Quattro sono agli arresti domiciliari. Una quinta persona e’ stata sottoposta all’obbligo di dimora. Le indagini sono partite dalla denuncia di un’imprenditrice che, a fronte di un prestito iniziale di 30.000 euro, necessario per fronteggiare temporanee difficolta’, si e’ vista applicare tassi mensili fino al 10%, corrispondenti al 120% su base annua. Quando la donna, che gestisce l’attivita’ insieme al marito, non e’ riuscita a restituire il capitale e gli interessi, sono iniziate pressioni e minacce, sia telefoniche che con visite in azienda, al punto che suo marito e’ stato costretto ad allontanarsi dal paese per qualche tempo. Per far fronte ai debiti, l’imprenditrice ha dovuto cedere attrezzature aziendali del valore di 40.000 euro ai debitori. Stremati, gli imprenditori hanno sporto denuncia e sono stati arrestati Giuseppe Turra’, 41 anni, di Cutro (Crotone), Mario Falcone, 57 anni, di San Leonardo di Cutro, Antonio Froio, 42 anni, di Botricello, Francesco Rondinelli, 41 anni, di Botricello. Salvatore Rota, 45 anni, e’ stato invece sottoposto ad obbligo di dimora. Si tratta dell’assessore all’Agricoltura e al Turismo del Comune di Scandale, in provincia di Crotone. L’operazione e’ stata denominata “Cravatte Piegate” ed e’ stata condotta dai carabinieri di Sellia Marina.

Potrebbero interessarti anche...