San Luca: ‘ndrangheta, si assentava dal lavoro per favorire la cosca

Un capo squadra dell’ex Afor, l’agenzia per la forestazione della Calabria, Francesco Cosmo, 54 anni, è stato arrestato dai carabinieri a San Luca. A Cosmo è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Reggio Calabria, che ha accolto la richiesta della Dda. Nel corso delle indagini è emerso che Cosmo, nella qualità di capo squadra Afor, ha attestato per sé e per altri prestazioni lavorative per conto dell’azienda, mentre si trovava invece in altre località. In alcune circostanze è stata accertata la sua presenza sui cantieri per la realizzazione delle opere di metanizzazione di San Luca, i cui lavori risultano condizionati da infiltrazioni mafiose. Per queste ragioni è stata contestata anche l’aggravante di aver agevolato, con la propria condotta, la cosca Mammoliti “Fischiante” di San Luca. I carabinieri hanno accertato anche altre forme di assenteismo volontario e sono stati denunciati e sottoposti ad obbligo di dimora nel comune di San Luca altri tre impiegati accusati di truffa ai danni dell’Afor. Due di questi sono legati da vincoli di parentela con esponenti della cosca Romeo “Staccu”.

Potrebbero interessarti anche...