Rossano: evasione fiscale, sequestrati beni per 7 milioni e mezzo

La Compagnia della Guardia di Finanza di Rossano ha sequestrato beni e valori per sette milioni e mezzo di euro, appartenenti ai responsabili di due società, accusati di bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale. Secondo l’accusa, gli amministratori delle due società, operanti nel settore edile, hanno omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi dal 2010 ad oggi, attuando una distrazione ed un’alienazione dei beni posseduti e della titolarità delle quote, per sottrarsi agli obblighi fiscali. Le società, una volta costituite, hanno operato regolarmente sul mercato per un paio d’anni, per poi essere cedute, con contestuale “svuotamento” del patrimonio aziendale e cessione dei beni strumentali. Tra i beni sequestrati ci sono abitazioni, rapporti bancari, quote societarie, terreni, magazzini, depositi, auto e moto di lusso e mezzi pesanti da lavoro.

Potrebbero interessarti anche...