Rosarno: ‘ndrangheta, sequestrata villa a marito testimone uccisa


Una villa di tre piani e 17 vani, del valore di un milione di euro, è stata sequestrata a Rosarno, dalla Guardia di Finanza, a Salvatore Antonio Figliuzzi, 42 anni, marito della testimone di giustizia Maria Concetta Cacciola, morta nel 2011 dopo aver ingerito acido muriatico. Cacciola aveva fornito agli inquirenti informazioni sugli affari criminali della potente cosca della ‘ndrangheta dei Bellocco di Rosarno. Nel corso delle indagini i finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno individuato il patrimonio illecito ed un sistema di fittizia interposizione di persone finalizzato ad eludere ogni azione di sequestro e confisca. Figliuzzi e’ ritenuto dagli inquirenti organico alla cosca della ‘ndrangheta dei Bellocco.

Potrebbero interessarti anche...