Roma: ‘ndrangheta, rientrato in Italia il presunto boss Leo Caridi

Dopo oltre 4 anni di latitanza, la polizia ha riportato in Italia Leo Caridi, 55 anni, presunto reggente dell’omonima cosca della’ndrangheta Caridi-Borghetto-Zindato. Caridi fu arrestato nel 2011 a seguito dell’operazione “Alta Tensione 2”. L’inchiesta scaturì dalle dichiarazione di due pentiti, Munaò e Moio, e svelò relazioni tra politici e ‘ndrine calabresi. Dopo due anni di detenzione, Caridi venne scarcerato, poiché non ritenute più necessarie le misure cautelari durante il corso del processo. Scomparve dal territorio nazionale tra il 2013 e il 2014, fuggendo in Svizzera. Ma la polizia lo ha rintracciato e oggi è stato fatto rientrare in Italia.

Potrebbero interessarti anche...