Roggiano Gravina: ‘ndrangheta, arrestati due fratelli latitanti


Due latitanti, presunti affiliati alla ‘ndrangheta, i fratelli Antonio e Roberto Presta, di 49 e 35 anni, sono stati arrestati dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza a Roggiano Gravina. Antonio e Roberto Presta sono i cugini di Franco Presta, presunto capocosca ed indicato come un killer, arrestato nello scorso mese di aprile. I due fratelli, che gestirebbero un fiorente traffico di stupefacenti con la Spagna e l’Albania, erano latitanti dal luglio del 2010, quando sfuggirono all’arresto nell’ambito dell’operazione Santa Tecla, in cui furono coinvolte 60 persone, tutte ritenute affiliate alle cosche della ‘ndrangheta dell’Alto Jonio cosentino. Antonio e Roberto Presta sono stati sorpresi dai militari in due abitazioni di Roggiano Gravina. Una donna, Emilia Perone, 30 anni, che si trovava insieme a Roberto Presta, è stata fermata con l’accusa di favoreggiamento personale. I due fratelli si nascondevano in due stretti bunker, alti solo una quarantina di centimetri. Uno era ancora in costruzione. Sottolineato in conferenza stampa che i latitanti prediligono sempre restare nei pressi della loro area d’influenza.

Potrebbero interessarti anche...