Rende: firmato, tra 16 Comuni, un accordo per lo sviluppo urbano


Un progetto al quale il Comune di Rende, che è capofila, annette grande importanza. Si chiama “Servizio Associato per lo Sviluppo Urbano Sostenibile”. Vi hanno aderito i 16 Comuni che avevano costituito il PIT n. 8 “Serre Cosentine”, e cioè, oltre a Rende, anche Cosenza, Cerisano, Mendicino, Marano Principato, Marano Marchesato, San Vincenzo La Costa, Castrolibero, San Fili, Lappano, Castiglione Cosentino, Zumpano, Dipignano, San Pietro in Guarano, Carolei e Domanico. Lo scopo è quello di creare una struttura snella e attiva per realizzare progetti mirati ad intercettare risorse comunitarie, presentandoli in forma associata. Un vero esempio di quella tanto decantata, ma spesso inapplicata, sinergia. Le principali tematiche su cui si elaboreranno progetti comuni saranno quelle dei trasporti, della sostenibilità ambientale e dell’innovazione sociale. Ma ci si occuperà anche di sostenere iniziative di start-up e di imprenditoria giovanile, coinvolgendo le imprese. La sede sarà nei locali dell’ex Crai, a contrada Macchialonga, nei pressi dell’Unical, ristrutturata da 5 anni ma finora inutilizzata.

Potrebbero interessarti anche...