Rende: BCC Mediocrati acquisisce 14 sportelli Banca Sviluppo

La BCC Mediocrati ha acquisito il Ramo Calabria di Banca Sviluppo, consistente in 14 sportelli dislocati nella provincia di Cosenza. L’atto di acquisizione è stato firmato a distanza di 20 anni esatti dalla fusione tra le ex BCC di Bisignano, Luzzi e Rota Greca, che sancì la nascita del Credito Cooperativo Mediocrati. L’intervento, oltre a sostenere lo sviluppo economico e sociale del territorio, permetterà di tutelare i depositi dei clienti che avevano stretto un legame bancario con le ex BCC rilevate negli anni precedenti in Calabria da Banca Sviluppo. Garantita anche la salvaguardia sul territorio di 100 posti di lavoro. Le nuove filiali, dopo la migrazione informatica che sarà effettuata nel fine settimana, saranno operative a partire da lunedì 18 novembre. La BCC Mediocrati, dunque, continua a crescere e si conferma la banca di credito cooperativo più grande a sud di Roma, con competenza su 98 comuni. Il volume complessivo degli impieghi sul territorio provinciale sale a 473 milioni di euro, con una raccolta complessiva superiore al miliardo di euro. Il numero dei clienti sale a oltre 65.000, serviti da 232 dipendenti in 33 filiali, oltre al Centro Direzionale di Rende. “Si tratta di un momento storico per la banca – ha commentato Nicola Paldino, Presidente della BCC Mediocrati – che si concretizza sotto l’egida della Capogruppo ICCREA”. E ha aggiunto: “Con questa operazione straordinaria rafforziamo il presidio sul territorio, nel quale la nostra banca ha una solida presenza e continuità operativa da 113 anni”.

Potrebbero interessarti anche...