Rende: arresto per corruzione, Principe si autosospende dal PD

L’ex sottosegretario al Lavoro Sandro Principe, agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro sui suoi presunti rapporti con la cosca di ‘ndrangheta dei Lanzino-Ruà, ha reso noto, attraverso il suo legale, l’avvocato Franco Sammarco, di essersi autosospeso dal PD e da tutti gli incarichi ricoperti nel partito, tra cui quello di componente della direzione nazionale. Principe ha ribadito “la linearità di ogni sua condotta, sia personale che politico-istituzionale”.

Potrebbero interessarti anche...