Reggio Calabria: voto di scambio politico-mafioso, 3 arresti

I Carabinieri e la Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno eseguito tre arresti, su richiesta della DDA reggina. In manette sono finiti Domenico Arena, Vincenzo Pesce e Francesco Strangio, accusati di concorso in scambio elettorale politico-mafioso. Il provvedimento scaturisce da specifici approfondimenti investigativi eseguiti nell’ambito dell’indagine “Reale”, nella quale furono coinvolti il consigliere regionale Santi Zappalà e diversi esponenti della cosca Pelle. Dalle indagini emerse che Zappalà, in occasione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale della Calabria del 28 e 29 marzo 2010, avrebbe stretto un patto con esponenti della cosca Pelle. I tre arrestati di oggi avrebbero fornito, su pagamento di ingenti somme di denaro, un pacchetto consistente di voti all’uomo politico.

Potrebbero interessarti anche...