Reggio Calabria: truffavano commercianti, 8 arresti


I Carabinieri e la Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 8 persone, facenti parte di una presunta organizzazione criminale operante sul territorio nazionale e dedita alle truffe ad operatori commerciali, falsificazione di documenti bancari e ricettazione. La centrale operativa era a Gioia Tauro. In pratica, il gruppo acquistava merce di ogni tipo, dai vini pregiati alle attrezzature per l’agricoltura, da imprese di tutta Italia, garantendo le operazioni con titoli bancari falsi. Per fare questo, l’organizzazione si serviva di 4 societa’ di comodo, sequestrate. Creato anche un falso call center, spacciato per quello degli istituti di credito che avevano emesso i falsi titoli. Erano gli stessi indagati che si presentavano come dirigenti degli istituti bancari o assicurativi e che fornivano le rassicurazioni alle aziende truffate. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, ricettazione, truffa, falsità in scrittura privata e favoreggiamento personale. Merce per un valore di circa 500.000 euro e’ stata recuperata dagli investigatori durante le indagini, iniziate un anno fa. Alcuni dei soggetti tratti oggi in arresto erano gia’ finiti in manette nei mesi scorsi per reati analoghi. Da qui la denominazione dell’operazione: “Deja-vu”.

Potrebbero interessarti anche...