Reggio Calabria: sfruttavano donne dell’est europeo, 8 arresti


Sono otto le persone arrestate nell’ambito dell’operazione “Semiramide”, condotta dai Carabinieri contro un’organizzazione composta da cittadini romeni che sfruttava a fini di prostituzione ragazze dell’est che venivano fatte giungere in Italia. Altre sette persone che avrebbero fatto parte dell’organizzazione sono ricercate all’estero, mentre ad altre tre e’ stato applicato l’obbligo di dimora. Nel corso delle attivita’ d’indagine si e’ registrata la collaborazione di una ragazza condotta in Italia dalla Romania e costretta a prostituirsi, violentata e segregata attraverso la pratica della sottrazione dei documenti d’identita’ per impedirne l’allontanamento. Due i gruppi di romeni che avevano il controllo dell’attivita’ di sfruttamento della prostituzione: quello dei Radu e quello degli Avram. Agli Avram, riferiscono i carabinieri, erano legate altre persone, tra cui un italiano, Rocco Reale, 25 anni, operaio della Leonia, la societa’ che si occupa della raccolta dei rifiuti. Significativi sono i nomi convenzionali usati per indicare le ragazze: ”valigie”, ”bagagli”, ”merce”, sostantivi che, pur rientrando in un linguaggio codificato convenzionale, sono evidentemente evocativi del reale trattamento riservato alle donne. I gruppi criminali avevano articolazioni in Inghilterra e Sicilia.

Potrebbero interessarti anche...