Reggio Calabria: sequestrati 700 animali imbalsamati

Era un vero e proprio zoo. Ma gli animali erano tutti imbalsamati. Gli agenti del Corpo Forestale dello Stato di Reggio Calabria ne hanno trovati circa 700, tutti nella stessa abitazione, quella di un imbalsamatore abusivo. Che aveva “operato” su animali di ogni tipo: aironi, rapaci di ogni genere tra cui allocchi, aquile, falchi e grifoni; e poi gabbiani, galline, palmipedi, picchi e pappagalli; e anche scoiattoli e volpi. Ritrovate decine di pelli di lupo, teste di cervo, cinghiale e camoscio. E non è finita: dietro lo sportello del freezer c’erano altre decine di esemplari pronti per il loro destino da trofei. Fauna in gran parte protetta e considerata non cacciabile dalle leggi che regolano l’attività venatoria e dalle normative sulle specie minacciate di estinzione. A coordinare l’operazione è stato il Nucleo Operativo Antibracconaggio dell’Ispettorato Generale di Roma del Corpo Forestale dello Stato, in collaborazione con il Comando Provinciale di Reggio Calabria e su disposizione della procura reggina. L’imbalsamatore è stato denunciato per detenzione irregolare di specie protette. Le indagini sono ancora in corso per scoprire da quanto tempo operasse l’uomo ed individuare eventuali connivenze.

Potrebbero interessarti anche...