Reggio Calabria: inchiesta rimborsi illeciti, coinvolti 13 consiglieri

Un invito a comparire con contestuale avviso di garanzia e’ in corso di notifica a 13 consiglieri e assessori regionali della Calabria di diversi partiti, indagati per peculato in relazione alla gestione dei rimborsi delle spese sostenute dai gruppi consiliari. Si tratterebbe di sei esponenti del centrosinistra e di sette del centrodestra, tutti capogruppo di partito, o ex tali, che hanno amministrato i bilanci di Palazzo Campanella negli anni che vanno dal 2010 al 2012. Da quanto trapelato, e pubblicato da “Il Quotidiano della Calabria”, gli assessori e i consiglieri regionali coinvolti sarebbero Luigi Fedele (PDL, assessore regionale ai trasporti), Alfonso Dattolo (UDC, assessore regionale all’urbanistica), Pino Gentile (PDL, assessore regionale ai lavori pubblici), Alberto Sarra (PDL, sottosegretario alla presidenza), Agazio Loiero (Autonomia e diritti, ex presidente della giunta regionale), Giulio Serra (Insieme per la Calabria), Giuseppe Bova (Gruppo Misto), Sandro Principe (PD), Giampaolo Chiappetta (PDL), Giovanni Bilardi (Scopelliti Presidente, eletto senatore), Nino De Gaetano (PD), Vincenzo Ciconte (PD), Emilio De Masi (IDV). La Guardia di Finanza avrebbe rilevato una serie di spese fatte dai consiglieri e rimborsate dai gruppi come costi “istituzionali”, che invece non potrebbero essere spiegate. Si va dagli acquisti di vario genere, alle cene e ai soggiorni in hotel. Inoltre sarebbe stato scoperto un notevole ammanco di denaro nelle casse dei gruppi consiliari.

Potrebbero interessarti anche...