Reggio Calabria: protesta lavoratori, prima notte sul tetto del Consiglio Regionale


Sono sul tetto della sede del Consiglio Regionale calabrese, a Reggio Calabria. E non vogliono scendere. Notte e giorno a presidiare l’istituzione. Una protesta ad oltranza, per spingere Governo nazionale e Regione ad occuparsi del caso dei 5400 lavoratori precari Lsu-Lpu che in Calabria chiedono la stabilizzazione. Che però dipende da decisioni da prendere a Roma, ha detto il Presidente Scopelliti. Parole che non hanno soddisfatto questi lavoratori e neanche quelli che sostano sotto la sede del Consiglio Regionale. Ognuno con la sua storia. I manifestanti, con un comunicato, hanno intanto sottolineato che la politica calabrese, di ogni colore, sta ignorando la loro protesta.

Potrebbero interessarti anche...