Reggio Calabria: pronto il progetto definitivo del Ponte

Il progetto definitivo del Ponte sullo Stretto di Messina è pronto. E’ composto da migliaia di elaborati grafici e di relazioni allegate. La società Stretto di Messina lo ha inviato al Ministero delle Infrastrutture e a tutte le amministrazioni centrali e locali interessate che, entro sessanta giorni, dovranno esprimere il proprio parere di competenza nell’ambito di una Conferenza dei servizi. E’ dunque partita la fase dello studio degli elaborati progettuali, per capire, finalmente, quali saranno le ricadute dell’opera sul territorio, dal punto di vista economico ma anche dal punto di vista territoriale e ambientale. I lavori dureranno, nella migliore delle ipotesi, almeno 7 anni, dal 2013 al 2020. Con tutte le problematiche del caso. Sul progetto dovrà esprimersi anche il Cipe, per valutarne la rispondenza alle prescrizioni sollevate rispetto a quello preliminare. L’approvazione del Cipe del progetto definitivo e la conseguente “Dichiarazione di pubblica utilità” darà poi il via agli espropri dei terreni. E su questo si annuncia anche una dura battaglia di molti cittadini. Le associazioni ambientaliste invece si concentrano sui probabili danni, giudicati irreversibili, che si creeranno all’ecosistema dello Stretto. Anche qui la battaglia sarà dura. Delle ultime ore è la notizia che al confine tra i comuni di Sant’Eufemia d’Aspromonte e Melicuccà potrebbe nascere una megadiscarica che dovrebbe accogliere il materiale di risulta dei lavori. E sarebbe la più grande discarica europea. Sul fronte finanziamenti, invece, ci sarebbe l’incognita della Cina: il Paese orientale, in forte espansione, avrebbe già acquistato il 4% dei nostri titoli di Stato. Ma dalla Cina sarebbe anche arrivato un preciso interesse a finanziare il Ponte sullo Stretto e altre infrastrutture. E tutto questo mentre dall’Europa si continua a dire che la costruzione del Ponte non è certo una priorità.

Potrebbero interessarti anche...