Reggio Calabria: ‘ndrangheta, sequestrati beni per 50 milioni ad imprenditore


La polizia di Reggio Calabria ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni per un valore di cinquanta milioni di euro, intestati ad un imprenditore ma riconducibili alla cosca di ‘ndrangheta dei Piromalli, una delle più note e potenti della criminalità organizzata calabrese. I beni sono stati sequestrati a Nicola Comerci, 69 anni, di Nicotera, attivo nella piana di Gioia Tauro e con rilevanti interessi economici nelle province di Vibo Valentia, Roma, Bologna ed in tutto il nord Italia. Comerci era già stato oggetto di attenzione da parte del Tribunale di Reggio Calabria, perchè ritenuto vicino alle cosche dei Piromalli e dei Mancuso. L’imprenditore avrebbe anche vessato la Rai, in occasione della produzione di una fiction nel vibonese. L’attività investigativa di natura patrimoniale che ha portato al sequestro è stata condotta dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura antimafia reggina, sezione Misure di Prevenzione. Tra i beni sequestrati ci sono una lussuosa villa di proprietà di Nicola Comerci, un villaggio turistico a Parghelia, nel vibonese, vari terreni e diverse aziende nel centro e nord Italia.

Potrebbero interessarti anche...