Reggio Calabria: ‘ndrangheta, più di 100 fermati nella Locride

Sono più di 1000, i carabinieri che sono stati impegnati, stamattina, nell’operazione “Mandamento Jonico”, che ha colpito, con 116 fermi, ben 23 diverse famiglie di ‘ndrangheta della Locride. Un territorio completamente asservito alle cosche, tanto che Rocco Morabito, intercettato, afferma “lo Stato qui sono io, la mafia originale, non quella scadente”. E’ ormai una vera holding del crimine, la ‘ndrangheta, capace di dettare legge in Italia e all’estero. La DDA reggina è riuscita definitivamente a scoprire come funziona il “tribunale” della ‘ndrangheta e quali sono le regole che si applicano quando ci sono faide tra le diverse “famiglie”. Un risultato raggiunto grazie a migliaia di ore di intercettazioni. In tutto gli indagati sono 291, ai quali sono complessivamente addebitati 140 capi d’imputazione. Le cosche vivono soprattutto di estorsioni: pretendono il 10% per ogni appalto pubblico. Si sono infiltrate anche nella costruzione del tribunale di Locri. E hanno rinnovato i loro organigrammi.

Potrebbero interessarti anche...