Reggio Calabria: ‘ndrangheta, operazione contro cosca Labate, 14 arresti

Un’operazione della polizia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha portato all’esecuzione di 14 ordinanze di custodia cautelare (12 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) emesse nei confronti di capi, luogotenenti ed affiliati alla pericolosa cosca Labate, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa e di diverse estorsioni aggravate dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di agevolare la ‘ndrangheta. Gli investigatori della Squadra mobile reggina, con il coordinamento del Servizio centrale operativo e coadiuvati da personale del Reparto prevenzione crimine, hanno eseguito anche numerose perquisizioni e sequestri di imprese e società, per un valore di almeno un milione di euro. Si tratta di una stazione di carburanti, di un esercizio commerciale di prodotti surgelati, di un’azienda operante nel settore dei prodotti di carta e plastica per gli alimenti e la ristorazione e di un negozio di vendita al dettaglio di pitture e vernici. L’operazione, denominata “Helianthus”, deriva da un’articolata indagine condotta dalla Squadra mobile reggina e ha consentito di ricostruire gli assetti e le dinamiche criminali del clan Labate, che controlla il popoloso quartiere Gebbione. L’inchiesta ha fatto luce sugli affari economici della cosca, svelando un certo dinamismo in alcuni settori illeciti come quello delle scommesse online, delle slot machine e dello sfruttamento delle corse clandestine di cavalli. La cosca, secondo le indagini, manteneva tuttavia un elevato interesse per quello che rappresenta il core business delle attività criminali: il sistematico ricorso ad attività estorsive nei confronti di operatori economici, commercianti e titolari di piccole, medie e grandi imprese, specialmente di quelli impegnati nell’esecuzione di appalti nel settore dell’edilizia privata. Ad alcuni imprenditori veniva anche imposto con la forza dell’intimidazione l’acquisto di prodotti da aziende nella disponibilità del clan. Ad un commerciante è stato impedito di aprire una pescheria nel quartiere perché dava fastidio al titolare di un analogo esercizio commerciale, affiliato alla cosca. Le indagini da cui scaturisce l’operazione “Helianthus”, iniziate nel 2012, portarono, a distanza di oltre un anno, il 12 luglio 2013, alla cattura del latitante Pietro Labate, leader carismatico e capo storico della cosca che porta il suo nome. L’uomo, nell’aprile 2011, era sfuggito all’esecuzione del fermo emesso dalla Dda ed eseguito dalla Squadra mobile nei confronti di capi e gregari delle cosche Tegano e Labate nell’ambito dell’operazione “Archi”. Al culmine di un’intensa e attività investigativa supportata da intercettazioni telefoniche e ambientali e da sistemi di video sorveglianza, nell’estate del 2013 gli investigatori della Squadra mobile localizzarono e catturarono il boss latitante mentre si muoveva a bordo di uno scooter vicino al torrente S. Agata. Nel covo in cui aveva trovato rifugio, non distante dal luogo in cui era stato localizzato, vennero scoperte alcune agende sulle quali il boss aveva annotato nomi di persone, importi e denominazioni di ditte rivelatesi determinanti ai fini dell’accertamento della penetrazione dei Labate nel tessuto di alcune attività economiche e commerciali locali. Per la prima volta, alcuni affermati imprenditori reggini del settore edile ed immobiliare, sentiti dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, dopo un’iniziale ritrosia dovuta al comprensibile timore di subire dure rappresaglie, ma desiderosi di liberarsi dall’opprimente giogo estorsivo, hanno deciso di collaborare denunciando di essere vittime di ripetute estorsioni consistenti nel pagamento di ingenti somme di denaro, anche nell’ordine di 200.000 euro.

Potrebbero interessarti anche...