Reggio Calabria: ‘ndrangheta, confiscati beni per 217 milioni di euro


Quote societarie, fabbricati, terreni, rapporti finanziari e anche un villaggio turistico, per un valore complessivo di circa 217 milioni, sono stati confiscati dalla guardia di finanza ad un imprenditore, Antonio Cuppari, ritenuto vicino alla ‘ndrangheta reggina. Alla confisca dei beni, tra la Calabria e il Lazio, hanno proceduto i finanzieri del comando di Reggio Calabria e dello Scico, coordinati dalla procura antimafia di Reggio. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale reggino. Tra i beni confiscati c’è anche il villaggio turistico “Gioiello del Mare” di Brancaleone. Già nel 2014 all’imprenditore erano stati sequestrati beni per 419 milioni euro.

Potrebbero interessarti anche...