Reggio Calabria: ‘ndrangheta, confiscati beni ad ex assessore regionale

Beni per 600.000 euro sono stati confiscati dai carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria all’ex assessore regionale Domenico Crea, 64 anni, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta denominata “Onorata Sanità”. I beni confiscati sono due terreni, che erano stati sequestrati nel novembre del 2009 insieme ad altre proprietà, tra cui una clinica privata. Il provvedimento di confisca è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria. Domenico Crea era stato arrestato nel 2008. Nel corso delle indagini erano state individuate le attività gestite dalle cosche della ‘ndrangheta della zona jonica reggina, in cui operava il clan Morabito-Zavettieri, impegnato per sostenere, in occasione delle elezioni regionali del 2005, la candidatura di Crea, poi nominato assessore e già in precedenza investito di altre cariche istituzionali.

Potrebbero interessarti anche...