Reggio Calabria: ‘ndrangheta, arresti e sequestri per gioco online


Duro colpo al gioco illecito online controllato dalla ‘ndrangheta. Ad operare sono stati Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia e Dia di Reggio Calabria, insieme allo Scico, il Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata, e al Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche di Roma della Guardia di Finanza, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Eseguite, con l’operazione denominata “Gambling”, 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere, 13 arresti domiciliari, cinque divieti di dimora e cinque obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. L’indagine è nata dalla segnalazione del titolare di un centro scommesse, che era stato “obbligato” ad accettare modalità di scommesse che non erano legali. La DDA reggina ritiene di aver individuato un vero ed enorme canale di investimento e riciclaggio. L’operazione ha portato al sequestro di 11 società estere, 45 società operanti nel settore dei giochi e delle scommesse sul territorio nazionale, oltre 1.500 punti commerciali per la raccolta di giocate, 82 siti nazionali e internazionali di “gambling on line” e innumerevoli immobili, il tutto per un valore stimato pari a circa 2 miliardi di euro.

Potrebbero interessarti anche...