Reggio Calabria: ‘ndrangheta, 11 arresti e sequestri di beni

Stavolta è stata colpita la cosiddetta “area grigia”, quella composta dai professionisti che collaborano con le cosche. A Reggio Calabria, la Guardia di Finanza, con un’operazione denominata Astrea, ha eseguito 11 ordinanze di arresto, contro presunti collusi con la cosca Tegano accusati di concorso esterno in associazione mafiosa. Tra questi ci sono commercialisti e avvocati, alcuni già coinvolti in altre operazioni. Secondo quanto appurato dagli inquirenti, la cosca Tegano sarebbe riuscita ad ottenere il controllo, attraverso una serie di passaggi societari predisposti dai professionisti e avvalendosi di prestanome, di una parte del capitale privato della società municipalizzata di Reggio Calabria, la Multiservizi. Conferme sarebbero venute dalle numerose perquisizioni effettuate in studi commerciali e legali della città. I finanzieri hanno anche sequestrato beni per un valore di circa 50 milioni di euro. Si tratta di quote societarie e di 15 tra fabbricati e terreni, otto autoveicoli e numerosi conti correnti bancari.

Potrebbero interessarti anche...