Reggio Calabria: la visita del Ministro Nitto Palma


A Reggio Calabria ha operato da magistrato dal 1996 al 2001. Francesco Nitto Palma adesso l’ha visitata da Ministro della Giustizia, e non per fare “passerella”, ha precisato. Due gli appuntamenti: prima alla Casa Circondariale, poi alla sede della Corte d’Appello. Nella visita al carcere, il Ministro ha riscontrato condizioni di vita buone per i detenuti, ha detto. Ma questo soprattutto grazie al lavoro del personale. Nitto Palma ha preso impegni precisi per l’entrata in funzione del nuovo carcere di Arghillà, entro la fine del 2012. Nell’incontro in Procura, il Ministro della Giustizia non ha potuto esimersi dal parlare dei “veleni” tra i magistrati reggini, e, in particolare, dell’inchiesta che la Dda di Reggio Calabria sta conducendo sul Procuratore Nazionale Antimafia aggiunto, Alberto Cisterna, indagato per corruzione in atti giudiziari. Infine, un riferimento al tema delle intercettazioni. “Non c’è dubbio che le intercettazioni telefoniche rappresentano un formidabile strumento investigativo, ma il problema del loro utilizzo esiste e ci sono anomalie che devono essere risolte”, ha detto Nitto Palma.

Potrebbero interessarti anche...