Reggio Calabria: esce dal coma la ragazza presa a sassate

E’ uscita dal coma e, secondo i medici, sarebbe ora fuori pericolo la ragazza tredicenne che l’8 aprile fu colpita a sassate dal suo fidanzatino diciassettenne, al termine di una lite. La ragazzina ha lasciato la divisione di Rianimazione degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria ed è stata trasferita nel reparto di Otorinolaringoiatria. I medici sperano anche di poterla dimettere a fine settimana. Per i genitori, un incubo che sta finendo. La storia è terribile: il ragazzo che l’ha ferita, dopo l’aggressione era fuggito, lasciando la ragazza sotto una lastra di pietra, forse per nasconderne il corpo oppure per simulare un incidente. Fu poi rintracciato in un casolare dalla Polizia e arrestato per tentato omicidio. La tredicenne fu sottoposta immediatamente ad un complesso intervento maxillofacciale, durante il quale furono ripristinate le funzioni respiratorie e sistemato il padiglione auricolare sinistro, gravemente danneggiato. Un secondo intervento ha permesso poi ai sanitari di ridurre le fratture della mandibola e quella della regione orbito-zigomatico sinistra mascellare. Adesso tutto sembra che si stia sistemando per il meglio. E presto la ragazzina potrà fare ritorno a casa sua, in una frazione di Gallico. Solo tra qualche tempo sarà poi possibile capire se e quali conseguenze permanenti potrebbe aver riportato.

Potrebbero interessarti anche...