Reggio Calabria: donna marocchina uccisa dai vicini dopo una lite


Una donna di nazionalità marocchina, Nezha Belakhdar, 50 anni, è stata uccisa al culmine di una lite, la notte scorsa, a Reggio Calabria, da due vicini di casa che sono stati arrestati dai carabinieri. Si tratta di Bruna Navella, 45 anni, e di suo nipote Attilio Oliva, 28 anni. L’omicidio è avvenuto quasi in contemporanea all’arrivo dei militari, avvertiti dai passanti. Secondo gli investigatori, la donna e il nipote accusavano, ingiustamente, la Belakhdar di aver dato fuoco ad alcuni mobili. Pare che fuori dal palazzo in cui vivevano la vittima e i due arrestati, nel quartiere Modena, erano stati lasciati un divano ed un comodino. Nella notte i mobili sono stati incendiati. Bruna Navella ed il nipote hanno visto Nezha Belakhdar e l’hanno accusata di essere l’autrice dell’incendio. Ne è nata una lite che ha richiamato l’attenzione di altri vicini, i quali hanno chiamato i vigili del fuoco ed i carabinieri. Mentre i militari giungevano sul posto, Bruna Navella avrebbe colpito la vittima con calci e pugni. Il nipote l’avrebbe invece aggredita con un coltello. Sia loro che la vittima erano già noti alle forze dell’ordine.

Potrebbero interessarti anche...