Reggio Calabria: arrestato in flagranza un estorsore

I carabinieri di Reggio Calabria lo hanno arrestato in flagranza di reato. Si tratta di Giuseppe Fulco, 40 anni, già noto alle forze dell’ordine, accusato di estorsione aggravata ai danni di un imprenditore. La vicenda si riferisce ai lavori di consolidamento dei costoni rocciosi sulla strada statale 18, nel tratto compreso tra il centro abitato di Scilla e la frazione di Favazzina. Il 18 e il 28 marzo scorsi la ditta aveva subito prima l’incendio di un motocompressore e poi il danneggiamento di circa 1000 metri di rete, utilizzata per consolidare i costoni della montagna. Atti chiaramente intimidatori. Infatti era arrivata la richiesta di 6.000 euro, corrispondente a circa il 3% dell’importo dei lavori. L’estortore si è recato più volte sui cantieri, presentandosi come emissario della cosca locale. Ma i militari vigilavano con attenzione, tanto che mercoledì mattina Fulco, arrivato per incassare, ha trovato ad attenderlo i carabinieri. Al momento dell’arresto non ha reagito, ma aveva in tasca un coltello a serramanico, per cui dovrà rispondere anche del reato di porto illegale di arma da taglio atta ad offendere.

Potrebbero interessarti anche...