Reggio Calabria: approvato il Piano Casa in Consiglio regionale


Il Consiglio regionale della Calabria ha puntato l’attenzione sul Piano Casa. L’impianto normativo, approvato a maggioranza, è stato presentato dal relatore, Alfonso Dattolo, presidente della IV Commissione, che ha sottolineato come la legge punti alla sicurezza antisismica e idrogeologica. Restano invariati gli indici di incremento volumetrico al 20% per quanto concerne gli ampliamenti di edifici ad uso residenziale. Assolutamente contrario alle nuove norme il gruppo del PD, che asserisce che la nuova legge, in realtà, favorirebbe la speculazione selvaggia e conterrebbe forme di sanatoria surrettizie. Il PD, è stato annunciato, avvierà un’iniziativa presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Anche Italia dei Valori si è dichiarata contraria alla proposta di legge, definita “una resa culturale alle ragioni del cemento”. Scontro aperto poi, in Consiglio, sul trasferimento di 4 milioni di euro al Comune di Reggio Calabria, che la Giunta regionale motiva con la necessità di favorire il recupero, attraverso una legge del 2009, di alloggi ubicati nei centri storici, ma che invece l’opposizione bolla come un sistema per tappare qualche buco di bilancio del Comune reggino. Tra gli altri punti dell’ordine del giorno, approvato di demandare alla Giunta il compito di esaminare l’opportunità, in accordo con le altre Regioni, di ricorrere alla Corte Costituzionale per far dichiarare l’illegittimità delle recenti norme approvate dal Governo Monti sull’abolizione delle Province. Votato anche un ulteriore ordine del giorno, con cui si chiede alla Giunta regionale di fare gli opportuni passi nei confronti del Governo perchè rispetti l’investimento già deciso per la realizzazione di una centrale solare a ciclo termodinamico nel territorio della provincia di Crotone.

Potrebbero interessarti anche...