Reggio Calabria: appalti truccati e corruzione, arresti in tutta Italia

La Guardia di Finanza ha arrestato 16 persone, nell’ambito di un’indagine su appalti truccati e corruzione, che riguarda anche alcuni appalti relativi a lavori della Sorical, la società che si occupa della gestione idrica in Calabria. Gli arresti colpiscono imprenditori, funzionari e pubblici dipendenti e sono stati eseguiti, oltre che in Calabria, anche in Veneto, Marche e Toscana. Contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti, corruzione e rivelazione di segreto d’ufficio. Dalle indagini relative all’operazione, denominata “Ceralacca 2”, sarebbe emersa l’esistenza di un cartello criminale in grado di pilotare l’andamento e l’aggiudicazione degli appalti pubblici. Funzionari e dipendenti pubblici comunicavano in anticipo ad un gruppo di imprenditori le offerte presentate dai concorrenti. Anzi, davano loro modo anche di entrare indisturbati, con l’ausilio di alcune maschere, negli uffici dove si tenevano le buste sigillate. Che venivano aperte, per leggere le offerte, e poi sigillate nuovamente. Con la ceralacca, da cui il nome dell’operazione, che è la prosecuzione dell’indagine sfociata nel marzo del 2012 nell’arresto di alcuni imprenditori edili di Gioia Tauro. Sequestrati beni e 12 società per un valore di 40 milioni di euro. Disposta anche l’interdizione dall’esercizio della sua attività nei confronti di un imprenditore. Ed è stato perfino individuato un “manuale” della corruzione, con i relativi prezzi da pagare ai funzionari infedeli.

Potrebbero interessarti anche...