Reggio Calabria: 8 aziende sequestrate per frode


Il sequestro di 8 imprese, per un valore stimato di 30 milioni di euro, e 37 persone indagate, a vario titolo, per truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Questo il bilancio dell’Operazione Principessa, condotta dalla Guardia di Finanza della Compagnia di Palmi e dagli uomini di Taurianova. Le indagini, coordinate dalla Procura di Palmi, hanno consentito di accertare l’esistenza di una presunta associazione a delinquere, costituita da un gruppo di imprenditori perlopiù legati da vincoli familiari, che sarebbero riusciti, nell’arco dell’ultimo decennio, a creare un vero e proprio impero
economico, reinvestendo di volta in volta i contributi pubblici acquisiti illecitamente. L’inchiesta ha interessato aziende operanti nel settore olivicolo e nel settore turistico-alberghiero, attive nella fascia aspromontana tirrenica della provincia di Reggio Calabria. Proprio dal nome di un lussuoso albergo trae origine la denominazione dell’operazione.

Potrebbero interessarti anche...