Reggio Calabria: 17 arresti per traffico di droga

Un vero supermarket della droga, con le donne che ricevevano le ordinazioni e gli uomini che si occupavano delle consegne. Il gruppo criminale che lo gestiva, nella locride, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza. In 17 sono finiti in carcere con l’accusa di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. I finanzieri hanno notificato anche due misure di obbligo di dimora nel luogo di residenza. Le indagini sono andate avanti per oltre tre anni ed hanno messo in luce come il centro dello spaccio era localizzato nell’area di Marina di Gioiosa Jonica denominata “Cavalleria” dove, tra l’altro, risiedono numerosi arrestati, alcuni dei quali sono ritenuti dagli investigatori organici alla cosca di ‘ndrangheta dei Mazzaferro, attiva su tutta la fascia ionica della provincia reggina. I componenti dell’organizzazione, secondo quanto emerso dalle indagini, usavano un codice per indicare la droga, che veniva definita, di volta in volta, legno, magliette, frutta o caffè. Le indagini sono risultate particolarmente difficoltose per il contesto territoriale in cui si sono svolte, caratterizzato, come hanno sottolineato gli investigatori, da un’alta densità mafiosa che ha reso complicata l’attività di osservazione. Nel corso delle indagini, sono stati arrestati in passato sei spacciatori in flagranza di reato e sequestrati 200 grammi di cocaina e due chili fra eroina, marijuana e hashish.

Potrebbero interessarti anche...