Paravati: in migliaia per ricordare Natuzza Evolo

Se ci fosse stata ancora, avrebbe compiuto 87 anni. Ma lei, Natuzza Evolo, la mistica di Paravàti, ha raggiunto la casa del Padre due anni fa. Da allora viene comunque ricordata e festeggiata. E anche quest’anno erano in migliaia i fedeli che hanno partecipato alla celebrazione presieduta dal Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Monsignor Luigi Renzo. Tutti a pregare la minuta donna con le stimmate, che pur senza mai muoversi dal piccolo borgo in provincia di Vibo Valentia, dopo l’apparizione della Vergine, avvenuta nel 1938, ha promosso un vasto movimento spirituale e realizzato la “Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime”. Per decine di anni “mamma Natuzza” ha ricevuto nella sua casa migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, che arrivavano qui per incontrarla, nella speranza di avere notizie dall’aldilà dei propri defunti o indicazioni sulle proprie malattie. Moltissimi testimoniano di aver ricevuto grazie e benefici. Natuzza aveva il dono del “profumo mistico”, che veniva spesso percepito anche a distanza, nei suoi viaggi in bi-locazione. Una donna la cui vita è ancora un mistero. Al rito sacro per la sua commemorazione hanno assistito anche molti giovani, provenienti da tutta la Calabria e da altre regioni del Sud. E tanti erano pure i sacerdoti che hanno concelebrato col vescovo Renzo, proprio nel piazzale in cui, su ispirazione della mistica, sta sorgendo una grande chiesa che sarà dedicata alla Madonna. Domenica 25 settembre qui si terrà il primo incontro annuale dei giovani sul tema “Le domande di Gesù”.

Potrebbero interessarti anche...