Paola: curato al posto di un omonimo, sta male e chiede giustizia


Chi abita a Paola lo conosce già: spesso sistema i suoi cartelli davanti al tribunale e attende. Aspetta ore ed ore. Aspetta che qualcuno si interessi al suo caso. Si chiama Saverio Osso. Ha 77 anni. Ha vissuto per lungo tempo in America. Poi, quando è tornato in Calabria, un giorno si è sentito male e ha fatto un check-up in ospedale. E’ qui lo avrebbero curato per una malattia che non aveva, minando gravemente la sua salute. Avete capito bene: Saverio afferma di aver ricevuto le cure che in realtà doveva avere un altro paziente, suo omonimo. Che è morto qualche mese fa. Saverio ha perso tutto: famiglia, lavoro e casa. Non ha più porte alle quali bussare. Chiede che la giustizia si interessi al suo caso. Chiede che qualcuno lo faccia tornare a vivere.

Potrebbero interessarti anche...