Paola: appalti, 3 arresti per gare pilotate sul tirreno cosentino


Tre persone sono state arrestate dalla Guardia di Finanza di Scalea nell’ambito di un’indagine su gare d’appalto in alcuni Comuni del tirreno cosentino. Tra di loro c’è il sindaco di Aieta, Gennaro Marsiglia, finito in carcere in relazione alle sue precedenti attività come funzionario nei comuni di Buonvicino e Maierà. Ai domiciliari è finita la moglie, Chiara Benvenuto, mentre l’imprenditore Andrea Biondi è finito in carcere. La Procura della Repubblica di Paola indaga fin dal 2009 su alcune gare pilotate in diversi comuni dell’alto tirreno cosentino. Secondo quanto emerso, Marsiglia, nella sua qualità di funzionario, in passato, a Buonvicino e Maierà, avrebbe fatto in modo che a vincere alcuni appalti fossero la cooperativa all’epoca gestita dalla moglie e l’azienda dell’amico imprenditore. Gli appalti riguardano la raccolta dei rifiuti, il servizio di assistenza scolastica per persone diversamente abili, il servizio di supporto dell’Ufficio Tributi e le mense scolastiche. Nei provvedimenti cautelari vengono contestati i reati di corruzione e turbativa d’asta. Sono state eseguite perquisizioni presso vari Comuni e altri enti.

Potrebbero interessarti anche...