Palmi: truffavano aziende, arrestati madre e due figli

Vendevano rami d’azienda sostenendo, falsamente, che avevano i requisiti necessari per partecipare alle gare d’appalto pubbliche. Cosi’ facendo hanno truffato una serie di aziende che si sono viste poi respingere le domande. Tre imprenditori, madre e due figli, sono stati cosi’ arrestati dai finanzieri del Nucleo Tutela dei Mercati di Roma e da quelli di Palmi. Gli arrestati, accusati di associazione per delinquere finalizzata alle truffe, titolari di varie societa’, fin dal 2003 hanno ceduto una serie di rami d’azienda attraverso i quali hanno millantato falsi requisiti a favore di numerose imprese per la successiva attestazione della Soa, l’organismo che rilascia i certificati per partecipare agli appalti pubblici. Le autorizzazioni, una volta approvate dall’ente preposto, venivano pero’ poi puntualmente revocate. Le indagini, avviate nel 2003, proseguono per accertare il ruolo svolto nella vicenda da alcuni notai.

Potrebbero interessarti anche...