Palmi: omicidio elettrauto, ergastoli a padre e cugino dell’amante

Due ergastoli, una condanna a 18 anni e due assoluzioni. E’ il verdetto emesso dai giudici della Corte d’Assise di Palmi a conclusione del processo di primo grado per l’omicidio di Fabrizio Pioli, il giovane elettrauto di Gioia Tauro che venne ucciso nel febbraio del 2012 e il cui corpo venne trovato circa un anno dopo. Pioli sarebbe stato ucciso perché aveva intrecciato, a Melicucco, una relazione con una donna sposata, Simona Napoli. I due ergastoli sono stati inflitti al padre della donna Antonio Napoli e al nipote Francesco Napoli, cugino di Simona. A diciotto anni, invece, è stato condannato il fratello della ragazza, Domenico, mentre è stata assolta la madre, Rosina Napoli. Assolto anche Domenico Galatà, accusato di favoreggiamento nei confronti di Antonio Napoli.

Potrebbero interessarti anche...