Pallagorio: un arresto per duplice omicidio Raffa


I Carabinieri hanno arrestato un uomo di 62 anni, Annunziato Lerose, agricoltore in pensione, accusato di essere l’assassino di Francesco Raffa, 59 anni, e del figlio Saverino, 33 anni. Il fatto avvenne a Pallagorio, nel crotonese, il 22 dicembre scorso. Le vittime caddero sotto numerosi colpi di fucile, I due, che erano allevatori, stavano rientrando a casa a bordo di un fuoristrada, dopo aver finito di lavorare nella loro azienda. Facevano la solita strada, la provinciale che da Pallagorio porta a San Nicola dell’Alto, dove padre e figlio risiedevano. Ma qualcuno li attendeva. Adesso quel killer avrebbe un volto ed avrebbe agito per futili motivi. Le indagini sono state lunghe e scrupolose, dicono i militari, che si sono avvalsi anche delle immagini acquisite da alcuni sistemi di videosorveglianza, oltre che di minuziosi rilievi eseguiti sia sul luogo degli omicidi che a casa dell’arrestato. “Annunziato mi stai ammazzando”: un urlo straziante, lanciato pochi istanti prima di essere ucciso, è stato l’elemento che ha portato all’individuazione dell’autore dell’omicidio. A lanciare quell’urlo, infatti, era stato Saverino, mentre tentava di fuggire dal suo assassino che aveva già ucciso il padre. Un grido raccolto da alcuni cacciatori impegnati in una battuta nella zona e riferito ai Carabinieri. Grazie all’indicazione del nome, già nell’immediatezza del fatto Annunziato Lerose è stato sottoposto alla prova dello stub, che ha evidenziato la presenza di particelle derivanti da colpi d’arma da fuoco. Secondo l’accusa, Lerose avrebbe premeditato l’omicidio perché, da tempo, serbava rancore nei confronti delle vittime, ritenute colpevoli di non essersi adoperate, alcuni anni fa, per aiutarlo ad individuare i responsabili del furto di un attrezzo agricolo che gli era stato rubato. Avversione accresciuta nel tempo per dissidi riconducibili a problematiche legate ai terreni.

Potrebbero interessarti anche...