Oppido Mamertina: bracciante agricolo ucciso a fucilate

Un bracciante agricolo, Domenico Bonarrigo, 45 anni, e’ stato ucciso in un agguato compiuto in una zona di campagna, alla periferia di Oppido Mamertina, nel reggino. L’uomo e’ stato raggiunto da tre colpi di fucile, caricato a pallettoni. Portato nell’ospedale di Oppido da alcuni parenti, e’ morto subito dopo il ricovero. Il bracciante, al momento dell’agguato, era alla guida del suo fuoristrada e si stava recando in un terreno di sua proprieta’. Il padre di Domenico Bonarrigo, Giuseppe, fu assassinato nel 1986, sempre ad Oppido. L’assassinio fu inquadrato all’epoca nella faida che contrappose per alcuni anni la famiglia della vittima a quella degli Zumbo. Faida alla quale pero’, secondo i carabinieri, non sarebbe da collegare l’omicidio di Domenico Bonarrigo, che, dopo l’assassinio del padre, si allontano’ dalla Calabria e si trasferi’ nel Lazio, dove rimase fino al 2000. Poi torno’ ad Oppido Mamertina per occuparsi della gestione di alcuni terreni agricoli di proprieta’ della sua famiglia.

Potrebbero interessarti anche...