Lamezia Terme: usura, confiscati beni per 8,5 milioni


La guardia di finanza lametina ha confiscato beni per 8 milioni e mezzo di euro a Giuliano Caruso, noto imprenditore del luogo. Secondo le fiamme gialle, i beni sarebbero stati accumulati nel tempo soprattutto con i proventi derivanti da prestiti con tassi usurari. Le indagini sarebbero riuscite a dimostrare che i beni confiscati hanno un valore economico del tutto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi dichiarati nel tempo dall’imprenditore. La confisca riguarda immobili, terreni e società commerciali e anche una lussuosa villa collocata nella zona montana di Lamezia Terme, con annessa una piazzola di atterraggio per elicotteri.

Potrebbero interessarti anche...