Lamezia Terme: truffa per fondi comunitari, arrestati 3 imprenditori


Tre imprenditori di Latina, i fratelli Maurizio, Roberto e Salvatore Martena, titolari della società Ilsap di Velletri, sono stati arrestati dalla guardia di finanza di Catanzaro per truffa all’Unione Europea e allo Stato, falsità ideologica e abuso. Sono stati sottoposti all’obbligo di dimora, inoltre, un docente universitario di Napoli e un consulente della società. Sequestrati conti correnti, quote societarie e un capannone, a Lamezia Terme, per un valore di 11 milioni di euro. I fondi europei sarebbero dovuti servire per produrre un innovativo carburante “bioavio” per l’aeronautica civile, attraverso la lavorazione degli scarti della macellazione, in particolare da carcasse di bovini. I finanzieri di Catanzaro avrebbero però scoperto l’inconsistenza del progetto sin dalle prime fasi dell’indagine, quando i militari, accedendo all’interno dello stabilimento di Lamezia Terme, si sono resi conto che non era stata avviata alcuna significativa attività di studio e di ricerca. Per ottenere i fondi sarebbero state usate fatture e documenti falsi, per dimostrare spese e costi che in realtà non sarebbero mai stati sostenuti. Nello stabilimento industriale sequestrato a Lamezia, a settembre dello scorso anno morirono tre operai a causa dello scoppio di un silos.

Potrebbero interessarti anche...