Lamezia Terme: sfruttava i dipendenti, interdetto imprenditore


Il gruppo della guardia di finanza di Lamezia Terme ha eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali e patrimoniali nei confronti di un imprenditore, indagato per il reato di estorsione continuata verso undici lavoratori, suoi dipendenti. All’uomo è stato temporaneamente imposto il divieto di esercitare ogni attività d’impresa. L’operazione, denominata “Spartaco”, è scaturita dalla denuncia di un dipendente che era stato licenziato perchè si era lamentato per le condizioni di sfruttamento cui era sottoposto. I finanzieri hanno poi scoperto che, almeno dall’agosto del 2015 all’ottobre del 2016, l’imprenditore aveva costretto i dipendenti ad accettare gravose condizioni di lavoro, consistenti nel prestare la propria attività per otto-dieci ore al giorno, a fronte di un contratto part-time in base al quale venivano retribuiti per sole quattro o cinque ore giornaliere. In un caso, l’imprenditore ha anche minacciato in maniera grave uno dei dipendenti, che aveva “osato” reclamare i propri diritti, ventilando ritorsioni consistenti in violenze fisiche e materiali. Stimato che l’imprenditore abbia guadagnato illecitamente circa 56.600 euro, cifra che è stata preventivamente sequestrata.

Potrebbero interessarti anche...