Lamezia Terme: ‘ndrangheta, sequestro di beni per 2 milioni

La guardia di finanza di Lamezia Terme hanno eseguito il sequestro, in Calabria e in Piemonte, di beni immobili e mobili, aziende e disponibilità finanziarie riconducibili ad un esponente di spicco, ed ai suoi prestanome, di una pericolosa cosca di ‘ndrangheta lametina. Si tratta di Giorgio Galiano, 63 anni, accusato di essere affiliato alla cosca dei Giampà. Le indagini hanno consentito di mettere in luce la spiccata pericolosità sociale dell’indagato, per il quale è stata richiesta e ottenuta anche l’applicazione della sorveglianza speciale per la durata di 5 anni. Il sequestro ha riguardato 5 appartamenti di pregio, tre fabbricati adibiti ad opifici industriali e artigianali, quattro grossi appezzamenti di terreno edificabili ed agricoli, sette magazzini, cinque imprese, operanti anche nel settore degli alimentari, e quattro polizze vita, per un valore complessivo stimato di circa due milioni di euro.

Potrebbero interessarti anche...