Lamezia Terme: fatta luce sull’omicidio Villella

Sono stati fermati i presunti autori dell’omicidio di Giovanni Villella, 31 anni, il pregiudicato ucciso il 4 giugno scorso a Lamezia Terme ed il cui cadavere fu trovato il giorno successivo. Tra di loro c’è anche la moglie della vittima, Jennifer Pina, 29 anni. Oltre alla donna sono stati fermati Giovanni Giampà, 41 anni, ex calciatore della Vigor Lamezia, e Michele Dattilo, 66 anni, già condannato in passato per omicidio. Villella, prima di essere ucciso, è stato inseguito dal suo assassino, che poi ha sparato quattro colpi di fucile che lo hanno raggiunto alla testa, al torace ed alle spalle. Alla base del delitto ci sarebbe un movente passionale: la moglie, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, era stanca delle violenze subite dal marito ed aveva allacciato una relazione con Giovanni Giampà. Sarebbe stato lui ad attirare Villella in un tranello, fissando un appuntamento in una zona di campagna. Qui ad attenderli ci sarebbe stato Michele Dattilo che avrebbe materialmente sparato a Villella. Al movente passionale si sarebbero sommati motivi di interesse, visto che Dattilo, negli ultimi tempi, avrebbe avuto dei contrasti con la vittima in relazione ad alcuni traffici illeciti. Alla risoluzione del caso si è giunti grazie ad una serie di squilli telefonici, che i tre si sarebbero scambiati la sera del delitto.

Potrebbero interessarti anche...