Lamezia Terme: corruzione, arrestati i vertici della società di gestione dell’aeroporto


Terremoto giudiziario alla Sacal, la società di gestione dell’Aeroporto internazionale di Lamezia Terme. Sono finiti agli arresti domiciliari il presidente, il direttore generale e la responsabile dell’ufficio legale, nell’ambito di un’inchiesta sulla gestione dello scalo condotta dalla Procura di Lamezia Terme. Le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza. Gli arrestati sono Massimo Colosimo, presidente della Sacal, Pierluigi Mancuso, direttore generale, ed Ester Michienzi, responsabile dell’ufficio legale. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari emesse dal Gip su richiesta della Procura della Repubblica di Lamezia Terme. I reati contestati, a vario titolo, sono corruzione, peculato, falso e abuso d’ufficio. I finanzieri, inoltre, nel corso dell’operazione denominata “Eumenidi”, indagano anche su varie forme di concussione. Ci sarebbero stati, infatti, diversi casi di spese non giustificate. Indagati tutti i membri del Consiglio di amministrazione della Sacal, tra cui il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, per il quale è stata chiesta l’interdizione dai pubblici uffici. Avrebbe segnalato un nominativo per la partecipazione agli stage di “Garanzia Giovani”.

Potrebbero interessarti anche...